lunedì 5 gennaio 2009

Il ritorno del diavolo

“Lo ripeto per la quarta volta, ha capito bene: dietro questa gravissima crisi economica si nasconde lo zampino di Satana”: lo afferma il decano mondiale degli esorcisti, padre Gabriele Amorth dal Vaticano, in un'intervista sul sito cattolico Pontifex Roma.

La recessione mondiale, la crisi dei mercati, le tribolazioni di Alitalia? Il nostro Padre Gabriele non ha dubbi: “Tutta colpa del Demonio che suggerisce ai mercati, agli esperti e agli investitori scelte sbagliate per dividere e impoverire i paesi".

Il discorso vale anche per il caso della compagnia di bandiera: "Un tempo simbolo di stile ed efficienza. Bene, anche la crisi dell' Alitalia ha qualcosa di funestamente satanico".

La strategia di fondo di Satana - ricorda il Gabriele - rimane quella di "far credere che non esista, di passare inosservato, subdolamente".
Credo proprio che dobbiamo farci la bocca, anche per il 2009, siamo destinati a farci prendere per il culo proprio da tutti. GPS

3 commenti:

Riverinflood ha detto...

Se esiste Satana, di conseguenza esiste Amorth: un nome, un programma!

Anonimo ha detto...

E' chiaro che il satana inteso è quello di coloro che standoti accanto si comportano da sciacalli e non da amici - parenti o colleghi che siano - il satana accanto - individuo o stato o vicino di casa - che avido ed incontententabile - ti dissangua ed accumula alle tue spalle incurante di affossarti dopo averti carpito la fiducia. Questi satana accomunati dal non avere nessun senso della misura in niente di quello che fanno, sono la causa prima della maggior parte delle cose che non funzionano. E' un abito mentale, un "male" etico e clinico che porta all'accumulo fine a se stesso dell`"oggetto del desiderio" desiderato che comporta il disastro del prossimo. Questi satana con un po di esercizio sono facili da individuare e da fermare con il semplice rispetto delle regole se congiunto a quello delle persone.

Cypherinfo
webmaster di www.kilombo.org.

Visco ha detto...

E comunque non e' carino usare un drago, per quanto paurosissimo, per raffigurare l'Ingannatore.
I draghi sono bestie ombrose ma sagge e non necessariamente cattive (non piu' di noi uomini).

;-)

Visco