lunedì 22 marzo 2010

La rossa primavera francese

Netta e senza appello la sconfitta della destra in Francia.
La sinistra e i verdi uniti (memorizziamo) hanno mantenuto il controllo di tutte le Regioni che già governavano, togliendo pure la Corsica, al partito del presidente Sarkozy è rimasta Alsazia (20 a 1), insomma una "vittoria senza precedenti".
La sinistra unita (memorizzare) ha raccolto il 54% dei voti, la destra il 36%, i nazionalisti di Le Pen il 9%).
In Europa tira un’altra aria? Pare proprio di si, la sinistra europea ricomincia ad alzare la testa e a guardare avanti con rinnovata speranza. Intanto la rossa primavera è sbocciata in Francia e circonda Carla e Sarkozy. Incrociamo le dita. GPS

1 commento:

Loprofeta ha detto...

Ciao,
certo nel voto francese credo sia stata decisiva un'astensione record. Io memorizzerei anche questo.